chi siamo

Il gruppo storico “Equites Duellatorum”, oramai da molti anni si occupa di manifestazioni storiche, dove il protagonista è il cavallo, associati ad attimi di vita del passato.

Specialità del nostro gruppo, è  il “Torneo Medioevale a Cavallo”, uno spettacolo dove la suspense, il realismo dei combattimenti porta realmente lo spettatore indietro nel tempo, grazie alla quale, inoltre, molti paesi dell’Italia ci hanno visto presenti, come la Città di Alba (CN), dove il 3 ottobre 2010, abbiamo vinto il premio per il migliore spettacolo. Appuntamento, oramai fisso, è la manifestazione organizzata da noi ad Usseaux (TO), denominata “In Gremio Uxellum”, dove si rievocano momenti realmente accaduti nel medioevo in Val Chisone. Altra specialità, è la Jousting, ossia un vero e proprio combattimento, non più uno spettacolo, ma una vera competizione, dove si cerca di spezzare la lancia contro l’avversario in uno scontro a cavallo. Diverse Piazze importanti ci hanno visto protagonisti, come quella di Santa Croce a Firenze nel 2012 in occasione del Trofeo Fiorentino di Giostra, la Città di Finale Emilia nel 2013, in occasione di una giostra di beneficenza per i terremotati. Anche l’estero è stato tappa per la nostra Associazione per due importanti giostre, la Norvegia e gli Stati Uniti nel 2013 in occasione dei “Mondiali di Giostra” e ancora nel 2017 a San Pietroburgo in Russia.

Inoltre, nel ottobre del 2014, abbiamo organizzato per la prima volta in Italia, un Trofeo Internazionale di Giostra Medioevale, dove, oltre agli italiani, sono state presenti alcune delegazioni provenienti da diversi paesi europei

Siamo in grado di accontentare qualsiasi esigenza di chi vuole organizzare un evento storico, non solo con i cavalli ma anche con l’apporto di accampamenti, soldati, falconieri, tutto in linea con il periodo storico richiesto.

  

Ali e criniere ... falconeria a cavallo

Il nostro gruppo, dal 2014 ha intrapreso una nuova collaborazione con il gruppo "Il Mondo nelle Ali" per portare avanti un progetto che vede come protagonisti gli uccelli rapaci ed i cavalli.  Questo connubio vede come protagonista Daniele Cominetti, ideatore del progetto, oltre ad abile allevatore ed addestratore di rapaci. Il progetto ambisce a portare in rievocazione, la falconeria a cavallo fatta nel Medioevo, che accomuna l'uomo e l'attività venatoria da 4 mila anni. Il lavoro, per nulla facile, tende ad addestrare i cavalli ad abituarsi alla presenza del falco vicino, a vederlo passare in volo e a sentire le ali che sbattono quando arriva sul pugno del cavaliere. 

Si è già partiti con gli allenamenti e l'addestramento, con ottimi risultati ottenuti in poco tempo. Anche la FieraCavalli di Verona ci ha visti nelle ultime edizioni con delle dimostrazioni di volo. Al momento gli uccelli utilizzati sono due: "Philip" ed "Albano", che si sono dimostrati ottimi compagni di "gioco", predisposti a volare anche a distanza ma a ritornare sul guanto non appena chiamati e a seguire il proprio cavaliere. Di effetto, sono le scene di volo dei rapaci con i cavalli vicino, dimostrando da ambe le parti, massima disponibilità nell'accettarsi, infatti, non è facile il connubio tra un predatore, quale l'uccello rapace e un predato quale il cavallo.


Storia

L'equitazione storico-medievale, nasce dalla passione per il cavallo e per il Medioevo, che unendole in un unico amore, si è creato quello che in Italia, oggi, è difficile da vedere, i "...Combattimenti Medievali a Cavallo...".

Gli spettacoli sono fondati su storie realmente accadute nel passato, riadattate per renderle più entusiasmanti e poi portate in scena su un ampio palcoscenico naturale, dove la "Quarta Parete", oramai abbattuta, permette di coinvolgere il pubblico in storie, ora avvincenti, ora appassionate, ora drammatiche, al punto da farlo sentire parte integrante dello spettacolo.